Neo Nisidina 12 compresse

Neo Nisidina

Neo Nisidina 12 compresse

Prezzo originale €6,40
NEO NISIDINA compresse Acido acetilsalicilico + paracetamolo + caffeinaChe cos’è e a che cosa serveNEO NISIDINA è un medicinale per uso orale che allevia il dolore (analgesico) e riduce la ...continua a leggere
Quantità
Tag:Dolore e Infiammazione, Dolori Mestruali, Dolori Muscolari e Articolari, Dolori Ossei, Farmaci, Febbre, Mal di Testa e Emicrania, Neo Nisidina, Prodotto Detraibile, Raffreddore Influenza e Tosse
Tipo:Farmaco
SKU: 004558185
Description
    NEO NISIDINA compresse
    Acido acetilsalicilico + paracetamolo + caffeina

    Che cos’è e a che cosa serve
    NEO NISIDINA è un medicinale per uso orale che allevia il dolore (analgesico) e riduce la febbre (antipiretico) che contiene tre principi attivi: acido acetilsalicilico, paracetamolo e caffeina.

    NEO NISIDINA si usa per il trattamento di mal di testa, infiammazione dei nervi (nevralgie), mal di denti, dolori mestruali, dolori alle articolazioni, stati febbrili e malattie da raffreddamento.

    Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio dopo 3 giorni di trattamento.

    Cosa deve sapere prima di prendere il medicinale
    Non prenda NEO NISIDINA
    - se è allergico all'acido acetilsalicilico, al paracetamolo, alla caffeina o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6);
    - se è allergico ai medicinali che appartengono al gruppo dei salicilati o degli antinfiammatori non steroidei (FANS);
    - se in passato ha sviluppato sintomi quali asma, gonfiore del viso, della lingua e della faringe (angioedema) e orticaria in seguito all'assunzione di antinfiammatori non steroidei (FANS);
    - se ha lesioni allo stomaco o al primo tratto dell'intestino (ulcera gastrica o duodenale);
    - se ha una predisposizione ai sanguinamenti (emorragie), ad esempio se soffre di disturbi della coagulazione del sangue (emofilia);
    - se è nel terzo trimestre di gravidanza;
    - se ha meno di 16 anni di età;
    - se ha tra 16 e 18 anni ed è affetto dal virus della varicella o dell'influenza, perché può causare gravi complicazioni (vedere il paragrafo “Bambini e adolescenti”);
    - se soffre di asma;
    - se soffre di gravi problemi della funzionalità dei reni, del fegato o del cuore;
    - se sta prendendo metotrexato (a dosi di 15 mg/settimana o più) (vedere il paragrafo Altri medicinali e NEO NISIDINA);
    - se soffre di una malattia causata dalla carenza dell'enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
    - se soffre di una malattia del sangue caratterizzata da un basso numero di globuli rossi (grave anemia emolitica).

    Avvertenze e precauzioni
    Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere NEO NISIDINA.

    Eviti di usare questo medicinale per più di 3 giorni senza aver consultato prima il medico e senza il suo diretto controllo. Se il dolore o la febbre persistono o peggiorano, se si manifestano sintomi nuovi o se sono presenti arrossamenti o gonfiori, consulti immediatamente il medico perché questi potrebbero essere segni di un aggravamento della patologia in atto.

    Prenda questo medicinale con cautela e solo dietro consiglio del medico nei seguenti casi:
    - se soffre di raffreddore allergico e polipi nasali;
    - se ha problemi allo stomaco o all'intestino cronici o ricorrenti o se in passato ha sofferto di ulcera, sanguinamento o perforazione allo stomaco o all'intestino;
    - se sospetta di essere allergico ad altri medicinali simili (analgesici antipiretici o ai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS));
    - se fa uso abituale di bevande alcoliche;
    - se soffre di problemi al fegato (insufficienza epatica lieve o moderata, alterazione della funzione epatica ad esempio dovuta ad abuso cronico di alcol, epatiti, sindrome di Gilbert);
    - se ha problemi ai reni (alterazione della funzione renale e insufficienza renale lieve o moderata);
    - se sta prendendo dei medicinali per fluidificare il sangue (anticoagulanti orali, antiaggreganti piastrinici, eparina per via sistemica, trombolitici, o altri farmaci) (vedere il paragrafo “Altri medicinali e NEO NISIDINA”);
    - se deve sottoporsi ad un intervento chirurgico o un esame diagnostico invasivo, perché potrebbero verificarsi problemi di coagulazione del sangue;
    - se è nel primo o secondo trimestre di gravidanza;
    - se è anziano e ha più di 70 anni, specialmente se sta assumendo altri medicinali contemporaneamente.

    Eviti l'uso prolungato o frequente del medicinale senza aver prima consultato il medico e non assuma contemporaneamente altri prodotti contenenti paracetamolo, poiché se il paracetamolo viene assunto in dosi elevate si possono verificare gravi effetti indesiderati. Il rischio di gravi effetti indesiderati è aumentato anche quando NEO NISIDINA viene assunto insieme ad altri medicinali utilizzati per alleviare il dolore (analgesici) o per abbassare la febbre (antipiretici), pertanto eviti l'uso contemporaneo di questi medicinali.

    L'interruzione improvvisa dell'assunzione di analgesici dopo un periodo prolungato di uso scorretto a dosi elevate può provocare mal di testa, stanchezza, nervosismo e sintomi da astinenza che si risolvono entro qualche giorno. Fino a quel momento, eviti di assumere altri antidolorifici e non ricominci ad assumerli senza aver consultato il medico.

    L'uso non corretto del medicinale (per dosi o per durata superiori a quelle indicate) può provocare gravi danni, particolarmente a carico del fegato, dei reni (nefropatia da analgesici) o del sangue, che potrebbero mettere a rischio la vita del paziente.
    L'acido acetilsalicilico può diminuire l'eliminazione dell'acido urico e causare un attacco di gotta in persone suscettibili, inoltre può mascherare i sintomi di un'infezione.

    L'assunzione di questo medicinale può alterare i risultati di alcuni esami di laboratorio come la misurazione dei livelli di acido urico (uricemia) o di zucchero (glicemia) nel sangue.

    Bambini e adolescenti
    Questo medicinale è controindicato nei bambini e negli adolescenti al di sotto di 16 anni, ma nel caso si sospetti un'infezione causata da virus, quale ad esempio l'influenza o la varicella, NEO NISIDINA non deve essere preso nemmeno negli adolescenti di età compresa tra i 16 e i 18 anni (vedere il paragrafo “Non usi NEO NISIDINA”). In questo caso c'è il rischio di una malattia rara e pericolosa per la vita caratterizzata da vomito, mal di testa, perdita di coscienza, insufficienza epatica e problemi al sistema nervoso centrale (sindrome di Reye), che richiede un immediato intervento medico.

    Possibili effetti indesiderati
    Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

    Si possono verificare:
    - disturbi allo stomaco, nausea, vomito, lesioni a stomaco e intestino (ulcere gastroduodenali) e infiammazione dello stomaco (gastrite erosiva) che può portare a sanguinamento anche grave. Tali effetti si manifestano soprattutto in seguito all'uso di alte dosi ma possono manifestarsi anche a basse dosi;
    - gravi reazioni allergiche con sintomi come abbassamento della pressione del sangue (ipotensione), problemi a respirare (dispnea, broncocostrizione), shock anafilattico, gonfiore del viso, delle labbra e della faringe (edema angioneurotico), reazioni cutanee;

    Inoltre, in seguito all'uso di NEO NISIDINA lei può manifestare i seguenti effetti indesiderati:
    Comuni (possono interessare fino a 1 persona su 10):
    - nervosismo;
    - vertigini;
    - dolore all'addome, difficoltà a digerire (dispepsia), nausea.

    Non comuni (possono interessare fino a 1 persona su 100):
    - sensazione del battito del cuore accelerato (palpitazioni);
    - vomito, diarrea.

    Rari (possono interessare fino a 1 persona su 1000):
    - agitazione, tremore;
    - vertigini causate da problemi all'orecchio;
    - alterazione del battito del cuore (tachicardia);
    - infiammazione dell'esofago (esofagite);
    - iperidrosi (aumentata sudorazione);
    - sensazione di stanchezza e affaticamento;
    - alterazione della funzionalità del fegato e aumento di alcuni enzimi (transaminasi);
    - lesioni allo stomaco o all'intestino (ulcera gastrointestinale) e sanguinamento.

    Molto rari (possono interessare fino a 1 persona su 10.000):
    - riduzione dei livelli di glucosio nel sangue (ipoglicemia);
    - gravi lesioni alla mucosa dello stomaco o dell'intestino (perforazione gastrointestinale);gravi malattie della pelle (incluso eritema multiforme);
    - disturbi della funzionalità dei reni;
    - diminuzione del numero delle piastrine, globuli bianchi, o di tutti gli elementi del sangue, globuli rossi inclusi (alterazioni dell'ematocrito, trombocitopenia, leucopenia, agranulocitosi, pancitopenia);
    - reazioni allergiche quali ad esempio eritema, orticaria, nausea, edema di Quincke, gonfiore, difficoltà a respirare (dispnea) e shock anafilattico;
    - difficoltà a respirare causate da una costrizione dei bronchi (broncospasmo) nelle persone allergiche ai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

    Non noti (la cui frequenza non può essere stabilita sui dati stabiliti):
    - aumento del rischio di sanguinamento come perdita di sangue dal naso (epistassi) e dalle gengive (gengivorragia) a causa dell'effetto antiaggregante dell'acido acetilsalicilico che può durare per diversi giorni dalla sospensione del trattamento;mal di testa, sonnolenza, confusione;
    - disturbi della vista;
    - problemi all'udito, suono o rumore percepito dal paziente ma non generato dall'ambiente esterno (tinnito);
    - prolungamento della gravidanza e del travaglio;
    - problemi ai reni (insufficienza renale acuta, nefrite interstiziale, ematuria, anuria);
    - reazioni della pelle anche gravi (eritema multiforme, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica);
    - anemia da carenza di ferro, a causa dei sanguinamenti nel tratto digerente, soprattutto in seguito all'uso prolungato dell'acido acetilsalicilico;

    In casi di iperdosaggio, per la presenza di paracetamolo, si può provocare citolisi epatica, che può evolvere verso la necrosi massiva e irreversibile.

    La presenza di caffeina, stimolante del sistema nervoso centrale, può causare agitazione, insonnia, tremore, sintomi dispeptici e tachicardia.

    Segnalazione degli effetti indesiderati
    Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo: https://www.aifa.gov.it/content/segnalazionireazioni-avverse.
    Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

5% di sconto

se ti iscrivi alla newsletter

Spedizione gratuita

oltre i 49€ di spesa

Prodotti di qualità

originali e certificati

Farmacista online

per ogni tuo dubbio

Paga come preferisci

in totale sicurezza